Stelle o sparo

Qualche giorno fa, dopo aver letto e commentato il post di Cent’anni di nerditudine, ero ormai pronto ad acquistare Stelle o sparo, scritto e disegnato da Nova e pubblicato da Bao Publishing a fine maggio.

Clicca su questa e le altre immagini per ingrandirle!

Fortunatamente non l’ho preso subito perché, a sorpresa, me lo hanno regalato! Il giorno dopo, approfittando di uno dei miei tanti viaggi in treno, l’ho anche letto.

La mia opinione nasce quindi dopo una sola lettura, anche se mi sento di dire che bisogna leggere Stelle o sparo almeno una seconda volta per essere apprezzato appieno. La storia potrebbe sembrare alquanto banale: Stella è una ragazza che non sa cosa fare della propria vita e combatte continuamente con i suoi mostri e le sue paranoie.

Ed, la sua migliore amica fin dai tempi del liceo, le invia un biglietto aereo per costringerla a fare un viaggio insieme per aiutarla a ritrovare sé stessa. La meta è una piccola isola della Grecia. In fondo, come dice Stella (e come è scritto sulla quarta di copertina) «la gente va a “ritrovare sé stessa” nei posti più assurdi. Tipo l’India, il Tibet. Posti enormi. Cioè, secondo me se ti cerchi in un posto piccolo magari ti trovi.»

Sull’isola, dove Stella incontrerà tanti personaggi strambi. Uno in particolare la aiuterà a comprendere un po’ meglio il proprio dolore e ad affrontare le proprie paure.

Non è semplice per me parlare di Stelle o sparo perché l’opera della mia coetanea Nova, beh, non è semplice. Sfogliando il volume ci troviamo di fronte una sorta di miscuglio di fumetto, pensieri disegnati, pagine scritte quasi come fossero un diario, schizzi da osservare e analizzare, un miscuglio che però funziona e fa da base a una storia che può sembrare banale ma non lo è, una storia che ognuno di noi potrebbe vivere. O ha già vissuto.

Nova ha uno stile molto particolare, a volte sporco, a volte molto lineare. Lei lo definisce “approssimativo”, e in effetti è una definizione che calza a pennello. Eppure funziona alla grande. I suoi disegni poi sono pieni di citazioni pop. Immaginate il mio sorrisone quando sulla prima pagina ho trovato il mio amatissimo e mai dimenticato Super Liquidator 50 (di cui, casualità, oggi si parla anche sul blog di MikiMoz)!

Stelle o sparo, 144 pagine per 17 euro, è un fumetto divertente che però ti sbatte in faccia la realtà e alla fine ti lascia con l’amaro in bocca, un’opera che, ti piaccia o meno, smuove qualcosa dentro. Un fumetto che consiglio se non altro perché Nova ha saputo mettersi in gioco lasciando ciò che aveva per prendere un sentiero sconosciuto. I suoi primi passi dimostrano che la direzione è quella giusta!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Fumetti/Manga e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Stelle o sparo

  1. pirkaf76 ha detto:

    Se cala un attimino di prezzo, lo recupererò.

  2. Kiral ha detto:

    Articolo stupendo, sicuramente lo comprerò!
    Queste storie alla ricerca di sé stessi mi piacciono parecchio 😀 è un po’ ciò che fa Zerocalcare coi suoi libri, quindi attirano per forza la mia attenzione XD

  3. mikimoz ha detto:

    Beh, ma sai che potrebbe piacermi? Innanzitutto amo gli stili “approssimativi”, e poi questo mi pare un finto approssimativo. Ma ancor di più amo le storie così, sincere e dal finale amaro 🙂
    Thanks per la citescion!

    Moz-

  4. fperale ha detto:

    A te ha colpito il Super Liquidator, a me ha colpito Gals Panic 😀 diciamo che i riferimenti pop sono azzeccati, non troppo esagerati.. anche a me è servita una seconda lettura per capire meglio tutto l’insieme, grazie per la citazione 🙂

    • Orso Chiacchierone ha detto:

      Beh, se non me l’avessero regalato, l’avrei preso proprio grazie al tuo post, i tuoi consigli sono sempre utili!
      A me questa caccia ai riferimenti pop piace, ma in effetti sono più contento quando sono così, un simpatico contorno alla storia. Probabilmente alla terza lettura ci sembrerà ancora più chiaro e forse diverso, credo sia uno dei punti di forza di Nova!

  5. Conte Gracula ha detto:

    Se è la stessa Nova, credo di aver letto una storiella di poche vignette fatta da lei e da Zerocalcare: Nova doveva abbordare Trunks e il dado decideva l’esito XD

  6. Johnny Cornerhouse ha detto:

    Preso ma devo ancora leggerlo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.