Il lungo sonno di Orso (seconda parte)

Leggi la prima parte

«Perché… mmm… proprio Grillo Canterino?» chiese Procione mentre mangiucchiava delle fragole colte poco prima da un bel cespuglio verde. «Ne vuoi una?»
Lontra alzò la zampa. «No grazie… sai chi devi ringraziare per quelle fragole, vero?»
«Sì, lo so… gnam… Cervo Rosso. Ti sei mai chiesto come abbia fatto a fare tutto questo? Qualsiasi albero, qualsiasi cespuglio, qualsiasi fiore l’ha piantato lui… possibile?»
«Beh, magari non ha fatto tutto da solo come raccontano le leggende però è stato grazie a lui se il Bosco è rinato dopo il grande incendio.»
«Mah… chissà che fine ha fatto…» Procione si pulì il muso con la zampa «Ah giusto, ti stavo chiedendo come mai proprio Grillo Canterino…»
Lontra fece segno a Procione di pulirsi meglio l’angolo sinistro della bocca. «Beh, sa sempre tutto ciò che succede nel Bosco e soprattutto conosce Orso da tantissimi anni, magari lui gli avrà parlato del lungo sonno e di come fare per risvegliarsi…»
«Quindi non ne sei sicura!»
«No…» Lontra si irritò «… perché, tu hai un’idea migliore?»
Procione ci pensò per un po’. «Potremmo chiedere a Panda Gioioso, anche lui…»
Lontra lo interruppe: «I panda non vanno in letargo.»
«Ah, davvero? Non lo sapevo… e va bene, facciamo come dici tu… ma Grillo è sempre in giro ed è davvero troppo piccolo per trovarlo facilmente!»
«Non preoccuparti, so come fare.»

Capirono di essere vicini al campo dei grilli quando sentirono il lontananza il loro canto. Più si avvicinavano più quel suono inconfondibile aumentava di intensità. Arrivarono nel tardo pomeriggio per cui, dopo aver incontrato Grillo Canterino, avrebbero dovuto restare lì per la notte.
Procione si guardò intorno. «Il campo dei grilli è… pieno di grilli! Come faremo a trovare Grillo Canterino?»
«Vieni con me, avviciniamoci.» disse Lontra mentre avanzava piano per non calpestare accidentalmente qualcuno.
Si chinò verso un grillo che stava beato sulla punta di un lungo filo d’erba. «Buongiorno, io e il mio amico Procione stiamo cercando Grillo Canterino. È una questione molto importante che riguarda Orso Chiacchierone, puoi aiutarci?»
«Certo, ma non so dove sia adesso. Probabilmente dovrete aspettare un po’ ma riceverà di sicuro il vostro messaggio!» Il grillo fece un salto e sparì tra l’erba.
Procione, perplesso, chiese: «Se non sa dov’è come farà a trovarlo?»
«I grilli sono dappertutto, lui non farà altro che passare la voce a un altro grillo che poi la passerà a un altro e così via fino a quando non raggiungeranno Grillo Canterino. Speriamo solo non sia troppo lontano!»
«Lontra sai che c’è? Ne approfitto per riposarmi un po’» Procione si appallottolò tra le radici di un grosso albero e chiuse gli occhi.

Sembrò essere passato solo un minuto quando si sentì scuotere e, aprendo gli occhi, si trovò di fronte Lontra. «Procione, altro che riposo, tu dormivi alla grande! Sveglia, Grillo Canterino è qui!»
«Quanto ho dormito?» disse Procione ancora intontito.
Fu Grillo a rispondere. «Un paio d’ore… scusate tanto per l’attesa ma ero sulla sponda del fiume in compagnia di Castoro Giocherellone e Falco Predatore che mi ha poi accompagnato qui in volo per fare più presto possibile… cos’è successo a Orso Chiacchierone?»
«È stato colpito dal lungo sonno…» disse Lontra.
Grillo era incredulo. «Cosa? Ne siete sicuri?»
«Sì» intervenne Procione «Orso mi ha spiegato cos’è il lungo sonno e come si manifesta ma non mi ha mai raccontato cosa risvegliarlo! Tu lo sai, vero?»
«Purtroppo no, mi dispiace…» disse Grillo abbassando lo sguardo «ma non preoccupatevi, so a chi possiamo rivolgerci.»
Lontra e Procione erano curiosi, si guardarono e chiesero insieme «Chi?»
«Cervo Rosso.»
«Eh? Ma Cervo Rosso è… è…»
«Scomparso? No no, ha solo deciso di riposarsi un po’ dopo il suo lungo e faticoso lavoro. Anche se in realtà continua a fare quello che ha sempre fatto. Ora però venite con me, sta arrivando la notte e qui vicino ci sono delle lepri che vi ospiteranno nella loro tana. Avete bisogno di riposarvi, domani ci aspetta un lungo viaggio. Si parte all’alba.»

CONTINUA

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Racconti/Storie e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Il lungo sonno di Orso (seconda parte)

  1. Grillo canterino ha detto:

    😍😍😍😍😍 non vedo l’ora di leggere la terza parte…

  2. Pingback: Il lungo sonno di Orso (prima parte) | La tana dell'Orso Chiacchierone

  3. Pingback: Il lungo sonno di Orso (terza parte) | La tana dell'Orso Chiacchierone

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...