Cose Consumate – Il barbiere

E continuiamo a parlare delle mie Cose Consumate.

A cosa mi riferisco? A quelle cose che, per un legame affettivo, continuiamo a usare anche quando si sono consumate, appunto.

Le Cose Consumate, pensate un po’, sono ovviamente Cose. E se invece, solo per questa settimana eh, una delle mie Cose Consumate fosse una Persona?

E sì, questa settimana vi parlerò del mio Barbiere.

Voi direte «Tra tante persone che hai intorno perché parlare proprio del Barbiere?» e io vi rispondo «Perché in questi giorni mi manca, oh, quanto mi manca!»

E voi giustamente richiederete «E perché ti manca, oh, quanto ti manca?» e io vi ririspondo «Perché fa caldo, oh, quanto fa caldo! E io ho i capelli lunghi, oh, quanto sono lunghi! Non molti eh, ma lunghi!»

Il problema è che, tra impegni vari, non riesco ad andarci… in realtà potrebbe anche essere in ferie! Una tragedia!

Probabilmente nessuno se ne ricorderà ma qualche tempo fa ho scritto un post in cui raccontavo di come avessi dovuto necessariamente andare da un altro barbiere.

Quando poi sono andato dal mio barbiere di fiducia che, per informazione, si chiama Pasquale, lui ha esclamato «Chi ti ha tagliato i capelli? Sono tutti storti!»

Il mio barbiere è preciso, perché in realtà non è un barbiere, è un parrucchiere per uomo. Ha vinto anche una forbice d’oro… o un rasoio di platino… o un pennello di diamante… insomma, una cosa così.

Ah giusto, ovviamente è anche un parrucchiere per Orso. Per essere parrucchiere per uomo ha fatto dei corsi. Per essere parrucchiere per Orso ha fatto un cOrso.

Devo ammettere però che non è stato lui il mio primo barbiere: il primo in ordine cronologico era lo stesso di mio padre, ci andavo per il 2×1 insomma.

Dal secondo mi ci ha portato Cicala Indifferente: in realtà non usava le forbici ma il tosaerba. Il suo motto era: i capelli del vicino sono sempre più corti. Però pagavo poco.

Poi boh, mi sarò reso conto della cosa del tosaerba e ho deciso di cambiare. Ora pago tanto però, che ci posso fare, ormai mi sono abituato.

Quindi continuerò a soffrire fino a quando non lo incontrerò… mi manchi Pascà!

P.S.: inviatemi descrizioni, riflessioni, storie, foto sulle vostre Cose Consumate e io scriverò un post tutto per voi!

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in Amici, Cose Consumate, Ricordi e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Cose Consumate – Il barbiere

  1. Vuc's ha detto:

    Su al nord 22 euro taglio e shampoo uomo…

  2. marco ha detto:

    Ahah!! Troppo forte : ) Abbasso i tosaerba, i parrucchieri cinesi per esempio sono dei veri macellai anche se prendono solo cinque euro!
    Io vado da un marocchino di cui avevo già parlato sul blog, tale Mustapha, “(tra le sue perle di saggezza: “Alle donne interessa che sei gonfio in mezzo ai pantaloni, ma anche nelle tasche ai lati!”) però pure lui ora è in ferie e sono altrettanto disperato!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.