Eravamo scout

Oggi alla stazione c’ero io, con la mia camicia sotto un maglioncino blu, con i miei occhiali da sole, chiuso nel mio giubbotto grigio per coprirmi da un freddo che nemmeno il sole riesce a scacciare, composto, in piedi accanto a una valigia con la mia aria seria, troppo seria.

L’aria di uno che è cresciuto.

Poi mi volto, e ci sono loro, seduti in semicerchio per terra, con i loro pantaloncini blu corti che scoprono le gambe, un foulard giallo intorno al collo, la camicia azzurra con le maniche arrotolate che fa pendant con il cielo, loro che canticchiano e sorridono, accompagnati dallo strimpellare di una chitarra. Hanno l’aria allegra, molto allegra.

L’aria di uno che non vuole crescere?

No. L’aria di chi sa vivere quella vita fatta di piccole cose: sole, musica, risate… e gli amici.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Amici, Ricordi, Riflessioni, Scout, Tempo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Eravamo scout

  1. E da notare, tu schiattavi dal freddo e loro indifferenti, sicuramente 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...